giovedì 2 ottobre 2008

Apollo!

Il titolo di questo post è il nome della (decisamente femmina) protagonista di una serie di giornate sportive che si terranno all' autodromo di Monza.

Protagonista che ha generato una nuova e stimolante commissione per il grande Coredo.

L'evento si chiama BTT day. La sigla sta per "Boccardo Tubi & Trafilati"; ebbene il Sig. Boccardo in persona ha "affittato" per dodici sabati consecutivi l' intero autodromo. Da accanito amatore dei motori, il suo omaggio permette ad amici e conoscenti di gareggiare con automobili (ognuno la sua) rigorosamente non sotto i 350 cv.

Tutta questa manifestazione è un festeggiamento organizzato allo scopo di inaugurare il nuovo acquisto a 4 ruote del Sig. Boccardo......










Si chiama Apollo e la casa tedesca che la produce è la Gumpert. Assolutamente sconosciuta e di nicchia come il più bel modello di elicottero, questa bambina pesa solo 1200 kg, e porta nel "sedere" la modica cifra di 650 cv. Ne hanno distribuite nel mondo appena 52 esemplari. 27 sono andate distrutte nei circuiti di Le Manes.

Il mio committente è l'unico possessore di una Gumpert in Italia.

La commissione? Un logo che simboleggi queste giornate di alta velocità e che sarà raffigurato su gadget e messaggi pubblicitari inerenti alla gara.

La richiesta d' obbligo, ovviamente, era rappresentare la nuova bambina del sovrano di queste corse....





6 commenti:

Anonimo ha detto...

dopo pressanti e intimidatorie minacce eccoti il mio commento:
" Ammazzati" !!!!!!
Mammmmmmmma mia !

[a] ha detto...

perdona la mia sfacciataggine ma quello è tutto fuorchè un logo.

coredo ha detto...

bè...
rispetto la tua opinione, ma il committente è stato contento e per me è la cosa più importante.

[a] ha detto...

non metto in dubbio "la cosa più importante" (che comunque è la cosa fondamentale).
Metto in dubbio il fatto che tu sappia come si crea un logo (e non lo dico in maniera rancorosa o con intenti litigiosi, è una constatazione). Alla prossima.

coredo ha detto...

ma ke ti devo dire.......dovevo raffigurare la macchina,l'autodromo e il logo dell'azienda; quindi un logo nel logo. Tu sicuramente sei uno degli studenti della Scuola del fumetto che passava anche gli orari extra-scolastici con i professori.
Ciò significa dritte, consigli, trovarsi al posto giusto nel momento giusto e...toh! ora fai John Doe!!!
Io non potevo permettermi di trattenermi a scuola perchè per mantenermi facevo due lavori, arrivavo sempre in ritardo la mattina e gli insegnanti mi odiavano considerandomi un cazzone.
tutto il mio lavoro è frutto di autodidattica perchè nessuno ha mai creduto in me, quindi nessuno ha mai accomodato le mie possibilità. Non sono mai stato pupillo nè di Cajelli, nè di Buscaglia, nè di Calzolari.Avrei voluto ma non ho avuto la tua fortuna.
Però con'sti disegni ora ci campo senza il bisogno di fare il lavapiatti.E ci campo alla grande!
Non mi basta più la gloria della pubblicazione.non posso considerare seriamente la tua teo-logia sui loghi..anche perchè..voglio dire..hai 25 anni...fai John Doe...non è che sei proprio un figo..

[a] ha detto...

Fai una piccola ricerca prima di sparare sentenze su chi non conosci, senza informarti di che tipo di istruzione ho avuto, che tipo di professione esercito dato che:

1. Sono un graphic designer / illustratore per lavoro (sia per agenzie che aziende, sia in proprio), prima che un fumettista, quindi so cosa intendo dire quando dico che non sai cosa è un logo.

2. Sono un autodidatta del fumetto, mai frequentato scuole o corsi di fumetto, sorry.

3. Ho 25 anni, farò un John Doe, non sarò un figo ma almeno qualcuno ha creduto in me senza che io chiedessi nulla.

Chapeau! :-D

Posta un commento

commenti